Università senza barriere: nuove mappe tattili per ipovedenti

Non si può non notare, a pochi metri dall’ingresso principale di Strada Nuova 65, attraversando il Cortile delle Statue, la grande lastra con fondo nero che riporta dettagliatamente tutti gli ambienti del piano terra dell’edificio centrale dell’Università e di Piazza Leonardo Da Vinci.

Una mappa speciale con nomi in braille, aule e cortili con muri, colonne e monumenti in rilievo, per facilitare la mobilità e l’usabilità degli spazi per non vedenti e ipovedenti.

Da quella prima installazione datata 2010, da qualche giorno se ne sono aggiunte altre sei. Una mappa tattile vicino all’ingresso della Biblioteca universitaria rappresenta tutto il secondo piano (foto), un’altra illustra i saloni del Rettorato, e poi ancora altre per le aule storiche Foscolo, Volta e Scarpa. L’ultima all’entrata del Museo per la Storia dell’Università.

«Attraverso la tridimensionalità che esprimono queste mappe tattili le persone possono capire la morfofologia e la forma degli spazi» ha spiegato il Prof. Alessandro Greco, delegato del Rettore per l’edilizia e gli studenti disabili, a margine della presentazione lo scorso 20 febbraio.

Questa iniziativa rientra nel progetto P.A.V.I.A (Partecipare,Abitare,Valorizzare,Ideare la città), realizzato nell’ambito dei Servizi agli Studenti nei Comuni sedi di Università, promossi e sostenuti dal Dipartimento della Gioventù – Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Anci – Associazione Nazionale Comuni Italiani.

AT – AS

Potrebbero interessarti