L’Università di Pavia azzera le tasse per un terzo degli studenti

Il Consiglio di Amministrazione dell’Università di Pavia ha approvato ieri il nuovo modello per la contribuzione studentesca che fissa la no-tax area fino a 23mila euro di reddito ISEE (contro i 13mila proposti dal Governo, ndr).

Dal prossimo anno accademico gli esoneri totali saranno dunque pari al 30,3%, mentre il numero di iscritti che beneficerà di una riduzione è pari al 38,5%. Al tempo stesso, i redditi medi e medio-elevati vedranno una cospicua riduzione dei costi per gli studi, riduzione che, rispetto al corrente anno accademico, potrà superare i mille euro. Anche i dottorandi beneficeranno della riduzione di prelievo, da 296 a 154 euro, ovvero solo tassa regionale e bollo.

Si confermano e si rafforzano gli interventi per gli studenti meritevoli: un maturato con 100/100 e che si laurea nel percorso 3+2 (o 5/6 anni) entro la durata legale prevista pagherà di fatto il 40% in meno (il primo anno è esonerato e l’ultimo è rimborsato).

Il bando tasse per l’a.a. 2017/2018 è disponibile sul portale d’Ateneo: link

[Aggiornato 27/7/2017 ore 16:24]

Potrebbero interessarti