Le radio universitarie sostengono “Oxjam: music for a change” (Ascolta)

Prestare la propria voce a chi non può gridare le ingiustizie sociali del pianeta: è questo il primo obiettivo di “Oxjam – Music for a change”, il progetto musicale per dj e band italiane che possono esibirsi e suonare da aprile fino al 15 luglio, sostenendo le cause di Oxfam Italia, impegnandosi in una raccolta fondi e partecipando all’assegnazione di premi che aiutano a fare altra musica.

Ascolta l’intervista a Pierluigi Fabiano, responsabile Oxfam Italia per Oxjam, da Campus Life del 5/6/2013.

Il meccanismo di Oxjam è semplice: ci si iscrive su www.oxfamitalia.org, registrando tutti i dati della band/dj. Non ci sono limiti di genere, né di altro tipo, è sufficiente la voglia di impegnarsi contro la povertà globale e la passione per la musica.

Dopo l’iscrizione, ogni band/dj avrà la possibilità di scaricare video, materiali e informazioni utili per organizzare concerti e dj set. A ciascuno infatti è richiesto di esibirsi in quante più occasioni possibili, anche organizzate ad hoc, in piccoli set privati, o in festival e locali, in piazze e giardini, con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico alle cause di Oxfam Italia e organizzare una raccolta fondi a favore della campagna “Coltiva. Il cibo. La vita. Il pianeta” che intende sostenere un movimento mondiale per assicurare a tutti cibo a sufficienza, soprattutto migliorando le condizioni di vita di migliaia di contadini del sud del mondo.

Oxjam ha già raccolto l’adesione di nomi importanti del panorama musicale: Saturnino, bassista di Jovanotti e coautore di grandi hit come Ombelico del mondo, Penso positivo e Baciami ancora; Alessio Pizzicannella, fotografo di Neil Young, Rolling Stones, Metallica, R.E.M., U2, Coldplay, Oasis, Negrita, per Times, Rolling Stone, Guardian, Observer; Adele di Palma, prima manager di Fabrizio De Andrè di cui ha curato la prima tournée, tra i suoi management e collaborazioni: Gianna Nannini, Daniele Silvestri, Samuele Bersani, John De Leo, Ivano Fossati. Sono loro i primi “ambasciatori” del messaggio di impegno di Oxjam, e grazie alla loro professionalità e disponibilità, Oxjam premierà dj e band più “virtuose” – coloro che riusciranno a mobilitare più persone con la raccolta fondi più ampia – e le più “talentuose” – coloro che si misureranno con un pezzo scritto ad hoc sulla campagna Coltiva – con premi che fanno carriera: un provino con Adele di Palma, una photo session con Alessio Pizzicannella, una cena-confronto con Saturnino, un viaggio in Bosnia a visitare le attività di Oxfam con un’esibizione a Sarajevo, la produzione di un CD e infine un’esibizione a Londra.

Chi è Oxfam Italia? Oxfam è una confederazione internazionale specializzata in progetti di sviluppo e aiuto umanitario. Nata in Inghilterra nel 1942 ad opera di persone impegnate nel sociale e di accademici dell’Università di Oxford, oggi Oxfam conta 17 organizzazioni che lavorano in oltre 90 paesi, con più di 3.000 partner; lavora per migliorare le condizioni di vita di migliaia di persone nel mondo, dare loro il potere e l’energia per esercitare i propri diritti e avere voce in capitolo nelle decisioni che li riguardano. In particolare, per costruirsi da soli un futuro migliore dove ci siano cibo e risorse adeguate per tutti. Oxfam Italia ha conseguito la piena affiliazione alla confederazione Oxfam International a marzo 2012: Oxfam Italia nasce dall’esperienza di Ucodep, organizzazione non governativa nata in Toscana, attiva da oltre 30 anni nella lotta alla povertà, l’esclusione sociale e l’ingiustizia, attraverso tantissimi progetti e attività realizzate nel Sud del mondo e in Italia.

Segui Oxjam su Facebook: www.facebook.com/OxjamItalia

Scrivi a oxjam@oxfamitalia.org

Potrebbero interessarti