I biologi marini dell’Università di Pavia nel documentario delle Nazioni Unite “Ocean Aware”. Guarda online

Il team di Ecologia marina del Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Pavia, coordinato dalle docenti Anna Occhipinti e Agnese Marchini, è protagonista di un nuovo documentario prodotto dalla tv inglese ITN per conto dell’Organizzazione marittima internazionale, l’agenzia delle Nazioni Unite specializzata nella sicurezza della navigazione e nella prevenzione dell’inquinamento delle acque. Il tema è il cosiddetto biofouling, ovvero il deposito di microrganismi animali o vegetali sulle chiglie delle navi, e il loro trasporto “inconsapevole” attraverso i mari ma in grado di causare gravi danni alla biodiversità e all’economia.

Da circa due anni le ricerche dei biologi marini pavesi si sono appunto concentrate sulla diffusione di specie aliene, non autoctone, e invasive, con campionamenti periodici in particolare nel golfo di La Spezia, sede di un porto commerciale da 15 milioni di tonnellate l’anno, per la metà provenienti dal Canale di Suez, e nell’Area marina protetta delle Cinque Terre.

Il documentario della nuova serie Ocean Aware è stato presentato in anteprima il 23 novembre con un evento online sul sito dell’Institute of Marine Engineering, Science and Technology. Nell’episodio girato a La Spezia sono mostrati gli esperimenti condotti con la collaborazione dell’assegnista pavese Jasmine Ferrario e del dottorando Marco Tamburini, per il monitoraggio della diffusione dei microorganismi secondo un protocollo dello Smithsonian Environmental Research Center statunitense.

LEGGI ANCHE > L’Università di Pavia per la biodiversità del Mediterraneo (video)

[Aggiornato 23/11/2020 ore 18:06]

Potrebbero interessarti