Expo, il cluster del riso passa da Pavia

È con la firma del contratto di partecipazione del Laos che oggi, presso la Fondazione Banca Monte di Lombardia, si è tenuto il secondo incontro dei Paesi interessati a far parte del Cluster del Riso di Expo Milano 2015. Presenti all’incontro anche i rappresentanti di Bangladesh, Cambogia, Pakistan, Myanmar, Cina e Giappone.

I Cluster sono spazi espositivi che riuniranno sotto lo stesso progetto architettonico più nazioni accomunate dalla produzione di alcune tipologie di cibo (caffè, cacao, spezie…) o interessati a sviluppare tematiche specifiche legate all’alimentazione.

«Abbiamo a disposizione una produzione agroalimentare di alto livello – ha dichiarato il Sottosegretario del Ministero per le Politiche agricole con delega all’Expo, Maurizio Martina – promuoverla attraverso gli itinerari del progetto Cluster è uno dei modi migliori per alimentare il dialogo tra tradizioni e culture differenti.»

La scelta di Pavia come sede per ospitare il tavolo di lavoro dedicato al riso acquista un valore particolare, proprio perché, con 80.000 ettari di coltivazione e 1700 imprese, la sua provincia è la prima produttrice di questo alimento in Italia.

Potrebbero interessarti